Startup innovative e vantaggi fiscali

Startup innovative e investimenti: le agevolazioni approvate dalla commissione EU

Investire in startup e pmi innovative è oggi un tema di grande interesse. A partire dall’1 gennaio 2017, grazie alla nuova legge di Bilancio, sono stati introdotti diversi benefici e provvedimenti in ambito sociale, politico, finanziario. Parliamo soprattutto di investimenti e di investimenti in startup innovative perché i vantaggi si traducono in interessanti agevolazioni fiscali.

È lo stesso Ministero dello Sviluppo economico a dichiararlo, con il Comunicato Stampa del 2 ottobre 2017 che attesta come permanenti le modifiche introdotte e, quindi, migliorate le percentuali di detrazione fiscale per i nuovi investitori in giovani imprese innovative.

 

Sei interessato ad investire in Brandorbi?

GUARDA UN VIDEO SUL SERVIZIO

Come funzionano le detrazioni Irpef e Ires?

- Per le persone fisiche la detrazione dall’Irpef è salita al 30% dell’importo investito, fino ad un investimento massimo di 1 milione di euro annuo, qualsiasi sia l’impresa innovativa beneficiaria. Fino al 2016 il valore della detrazione era stabilito al 19%* della somma investita e l’importo massimo annuo; per ciascun investitore, pari a 500.000 euro.

*25% per gli investimenti in startup a vocazione sociale o nel settore dell’energia

- Per le persone giuridiche la deduzione dall’imponibile Ires è salita al 30% dell’investimento con una cifra massima di investimento annuo pari a 1,8 milioni di euro. Fino al 2016 la deduzione deduzione era del 20%*.

*27% per gli investimenti in startup a vocazione sociale o nel settore dell’energia

 

 

PERSONA FISICA

 

PERSONA GIURIDICA

 

ANNO 2016

Detrazione irpef 19%

Investimento 500.00 euro

Deduzione Ires 20%

Investimento 1.800.000 euro

ANNO 2017

Detrazione irpef 30%

Investimento 1.000.000 euro

Deduzione Ires 30%

Investimento 1.800.000 euro

 

Oggi, un’impresa o una persona fisica, diventando socio di una startup innovativa può godere di una detrazione fiscale pari a un terzo del capitale investito.

Verso la rivoluzione tecnologica 

La normativa in vigore dall’anno 2017 è pertanto più vantaggiosa delle precedente e si mostra in linea con gli obiettivi strutturati dal Governo per la prossima legge di Bilancio 2018. È infatti verso una “rivoluzione tecnologica” che si devono muovere le imprese, sempre più focalizzate nel modo dell’Industry 4.0 e della sua innovazione.

Ma non cambiano soltanto le norme che regolano gli investimenti e le possibilità per le aziende, perché aumentano le modalità di investimento: basti citare l’equity crowdfunding, sistema di raccolta di capitali innovativo, sempre più sfruttato da startup innovative, e oggi anche pmi, che presentano modelli di Business scalabili.

Investire in startup e imprese innovative è un’opportunità valida per ampliare i propri investimenti in capitale di rischio al panorama delle società innovative che, unite alle aziende più tradizionali, partecipano allo sviluppo della realtà imprenditoriale italiana.

Vantaggi fiscali e non solo, perché il successo di una startup permette a ciascun investitore di avere una prospettiva di guadagno interessante: tra queste, la possibilità di dividere con i soci gli utili della società costituita, a distanza di 5 anni.

Sei interessato ad investire in Brandorbi?

GUARDA UN VIDEO SUL SERVIZIO

Vuoi scoprire di più di Brandorbi?

ACCEDI ALLA PIATTAFORMA E ISCRIVITI COME INFLUENCER O COME BRAND!

Scopri di più